• QUALE SARÀ IL RAPPORTO TRA L’UOMO E LE MACCHINE?

  • Il Quadro Strategico di Comunità

  • La Carta dei Servizi di Ellisse

  • La Garanzia Giovani

  • Sei un laureando e vuoi fare un tirocinio in ELLISSE?

Stampa

 La Mission di Ellisse

Il documento è frutto di un lavoro di analisi e revisione dei principi ispiratori previsti nello Statuto e proposti come elementi chiave di una strategia nuova che vuole rilanciare in maniera pragmatica il ruolo dell’Associazione come partner principale di numerosi soggetti che vogliono intraprendere percorsi di progettazione partecipata nei confronti delle tematiche di sviluppo locale, soprattutto alla luce dei nuovi Fondi Comunitari.

L’Associazione Ellisse - Etica e legalità nel lavoro, integrazione sociale e sviluppo economico si ispira ai principi di solidarietà sociale e svolge un’azione improntata all’attuazione e sviluppo dei processi di sviluppo locale, fornendo ai soggetti partner la piena consapevolezza del loro ruolo attivo in coerenza con i diritti e doveri stabiliti dall’ordinamento nazionale e sopranazionale, favorendo momenti di aggregazione, dialogo e scambio volti alla valorizzazione e integrazione delle differenti culture.

Ellisse persegue i propri scopi mediante l’attuazione di progetti realizzati ad hoc che sono il risultato di incontri e focus group tematici. Sviluppa il proprio compito istituzionale favorendo la promozione umana e il progresso civile nell’assoluta garanzia dei diritti fondamentali di ogni soggetto. Persegue le finalità associative in modo unitario, con l’azione di reciproca collaborazione e con pari opportunità delle componenti maschili e femminili, che recano ciascuna il proprio specifico contributo. Promuove e realizza interventi, ivi compresi quelli di carattere innovativo e sperimentale, anche in collaborazione con altri enti e soggetti pubblici o privati con cui può stipulare convenzioni.

L’Associazione Ellisse promuove le politiche attive del lavoro, ivi compresa l’attività di incrocio tra domanda e offerta lavorativa e di inserimento al lavoro di soggetti svantaggiati, mediante l’organizzazione di tirocini, borse-lavoro e di studio finanziati da Enti pubblici e/o da leggi di settore. Persegue i propri scopi promuovendo iniziative sul piano giuridico, formativo, educativo e assistenziale, realizzando attività di studio, aggiornamento, ricerca, approfondimento e confronto, anche tramite l’organizzazione di seminari, convegni, dibattiti, workshop, manifestazioni e campagne di sensibilizzazione.

Ellisse persegue con forza l’obiettivo di affermare i diritti e promuovere l’integrazione sociale e lavorativa dei soggetti socialmente più deboli. Intente sviluppare l’autonomia delle persone con cui lavora e salvaguardare il loro diritto di accesso ai servizi.  

Il metodo di lavoro: lavorare per progetti

Il metodo di lavoro utilizzato dall’Associazione Ellisse è progettato ed implementato nel contesto di progetti determinati: si intercetta il Bisogno in un determinato contesto territoriale, si individuano Partner con cui collaborare e si trova l’opportunità di finanziamento più congeniale, si mettono in gioco risorse professionali e umane e si agisce in modo puntuale e seguendo gli step funzionali anche alla valutazione in itinere e finale dell’intervento.

Gli Stakeholder coinvolti nei progetti

Ellisse si occupa di persone che hanno perso il lavoro, di giovani, di donne, di immigrati, detenuti ed ex detenuti, tossicodipendenti, persone con problemi psichiatrici, persone senza fissa dimora, minori sottoposti a provvedimenti penali ed in genere di tutti quei soggetti deboli del mercato del lavoro e che vivono in situazione di assoluta emarginazione e non sono in grado di riattivare da soli i meccanismi di partecipazione attiva nella società. Opera a stretto contatto con i centri di orientamento al lavoro, i servizi  sociali e sanitari che hanno in carico questi target deboli. Realizza incontri formativi ed inserimenti lavorativi presso imprese private o del privato sociale. I suoi committenti sono diversi per competenza ed estrazione giuridica ma tutti rientrano nelle fattispecie in esame, ad esempio i Ministeri, le Regioni, i Comuni, i Municipi, le Asl, le Scuole, le Università che diventano interlocutori per delineare i progetti e sviluppare i piani d’intervento legati alle diverse opportunità dei contesti locali.

Gli Strumenti

I numerosi progetti realizzati da ELLISSE sono stati finanziati attraverso i Bandi Comunitari della vecchia programmazione 2007-2013, mentre si stanno cercando i residui e si sta preparando la nuova programmazione comunitaria 2014-2020, altri finanziamenti sono cercati attraverso la legislazione nazionale e quella regionale che a vario titolo prevedono linee specifiche di finanziamento.

 Il metodo di lavoro

Grazie al contributo dei progetti realizzati e all’esperienze delle risorse umane che lavorano in Ellisse si sono prodotte idee, metodi di lavoro e competenze consolidate che nei differenti contesti territoriali concorrono a caratterizzare uno stile di lavoro determinato e permettono di garantire un elevato standard scientifico e operativo.

La progettazione

Nella maggior parte dei casi i servizi offerti da Ellisse vengono erogati nel contesto di progetti determinati attraverso gli step che abbiamo fissato in precedenza: si individua un bisogno di un certo territorio, si cercano partner con cui collaborare, si individua un’opportunità di finanziamento (vedi voce sostegno economico), si mobilitano le risorse economiche e professionali, si agisce per il tempo previsto dal progetto ed infine si verifica quanto fatto (vedi voce monitoraggio e valutazione).

La formazione e l’orientamento

Parte importante del percorso di costruzione progettuale è il momento formativo dove Ellisse intende perseguire l’accrescimento delle competenze nei soggetti coinvolti dai progetti d’intervento e pone al centro d’interesse le tematiche dell’efficienza ed efficacia delle risorse economiche utilizzate negli interventi previsti. Il percorso formativo prevede il coinvolgimento degli attori coinvolti e l’orientamento nelle scelte di politica pubblica.

Il coinvolgimento attivo di questi attori è a sua volta funzionale al trasferimento dell’azione pubblica in sotto azioni che traducono il concetto astratto di politica pubblica in azioni visibili e sulle quali sia il cittadino e sia l’attuatore si sente maggiormente responsabile.

La costruzione della rete

Al fine di rendere possibile la realizzazione di un progetto gli operatori di Ellisse devono collaborare con la rete degli attuatori locali (amministratori pubblici), con i servizi preposti e le imprese del territorio, questa è una scelta metodologica forte che mette in evidenza la volontà di Ellisse di rafforzare e costruire, se assenti, le reti locali di sviluppo.

Il monitoraggio e la valutazione

Il monitoraggio e la valutazione (M&V) avviene sia attraverso un dettagliato e puntuale sistema di M&V declinato sui singoli progetti ma anche attraverso l’accompagnamento di un soggetto, per esempio in un percorso di tirocinio, che dura normalmente sei mesi, si stabiliscono una serie di incontri strutturati per valutare il tirocinio: questi incontri sono almeno tre (avvio, metà percorso ed alla fine) e si avvalgono di schede di valutazione che vengono compilate dalla persona e dal tutor aziendale, sulla base di tracce comuni. Durante il tirocinio l’operatore può andare in azienda per verificare in itinere il percorso progettuale preimpostato ed eventualmente rilevare e intervenire su disallineamenti dal progetto iniziale. La valutazione finale dello strumento (tirocinio) avviene insieme al tutor aziendale e comprende la compilazione di schede di monitoraggio. La discussione finale è volta a comprendere le prospettive future della persona e si esplora la possibilità di ottenere un’assunzione nell’impresa oppure si esplorano altri ambiti di sbocco professionale. Alla fine dei percorsi individuali si elabora tutto l’insieme di interventi previsti dal progetto ed il tutto viene valutato. Questo momento di analisi è fondamentale per apprendere il come si è agito e si mettono in discussione tutti quegli elementi che non hanno funzionato e si cerca di enfatizzare, altresì, tutti gli elementi di successo. Tutte queste fasi del M&V danno origine ad un vero e proprio rapporto di valutazione finale che viene poi diffuso (vedi punto sulla diffusione dei risultati).

La sperimentazione e l’innovazione

Nel corso dell’attività di sperimentazione e dal contatto con i diversi attori della rete, Ellisse è attenta a rilevare e riconoscere i bisogni inespressi o ancora senza risposta adeguata. Essendo l’associazione composta da diverse Aree tematiche, in esse si  sviluppa e si sperimenta tutta una serie di servizi innovativi che contribuiscono ad affinare la strumentazione operativa nell’utilizzo, ad esempio, dei Fondi Comunitari nell’assistenza ad Enti Locali o Amministrazioni che partecipano ai bandi. Altri progetti innovativi possono riguardare la risposta ai bisogni delle scuole per il recupero dei giovani dropout, il sostegno alle famiglie e la mediazione culturale per esempio in territori con elevata presenza di stranieri.

Il fattore economico

Ad avvio della progettazione degli interventi secondo la diverse normative vigenti, Ellisse, invita i committenti ed i servizi a garantire le fattibilità economica necessaria per il riconoscimento della misura da corrispondere alla esecuzione degli interventi previsti. Il fattore economico ha un doppio significato: permette la realizzazione prevista dagli interventi progettuali e riconosce l’impegno lavorativo delle persone coinvolte alla sua definizione ed attuazione. Questo fattore è fondamentale per il corretto agire dell’intervento previsto ed è funzionale al riconoscimento dell’impegno di quanti partecipano alla realizzazione pertanto bisogna assicurarsi che da subito si intercettano le fonti di finanziamento con le quali definire gli ambiti di realizzazione (Fondi Comunitari).

Lo sviluppo delle politiche territoriali

Lo sviluppo delle politiche del territorio è fondamentale nella logica dell’associazione, infatti, lo sviluppo locale non può prescindere dall’attuazione di politiche di indirizzo e orientamento per i contesti che realizzano determinati interventi. L’elaborazione e la valutazione, per esempio, di Piani di Zona previsti dalla Legge 328/2000, passando per i Coordinamenti per i servizi di inserimento lavorativo, oppure il coordinamento di tavoli comunali di progettazione partecipata. In questo modo si vuole affermare una logica di co-progettazione e di co-gestione del servizio, da svilupparsi in sinergia con l’Amministrazione Pubblica, proponendosi con forza come partner di collaborazioni su progetti futuri. L’Associazione Ellisse partecipa con numerosi partner a progetti in rete, in cui si cercano soluzioni ai bisogni di soggetti particolarmente deboli. Nella logica della reciproca responsabilità nel realizzare interventi di politica attiva del lavoro, Ellisse mette a disposizione tutta l’esperienza consolidata nella progettazione e gestione di particolari servizi co-progettati con le Amministrazioni Pubbliche che molto spesso sono titolari.

La diffusione dei risultati

Alla fine del percorso progettuale si implementa la diffusione dei risultati raggiunti con il coinvolgimento attivo della rete dei partner coinvolti dal progetto; il metodo di diffusione dei risultati avviene in due momenti distinti: il primo consiste nel presentare i risultati con il tradizionale momento dell’evento finale (convegno, workshop, …), il secondo momento avviene attraverso la realizzazione di monografie che lasciano traccia e raccolgono il materiale prodotto durante il lavoro precedente.

Modulo di Adesione